#digitalreputation

Caro Visitatore,

rimanendo coerente con le ragioni che mi hanno spinto a creare un sito web (articolo), in questa sezione intendo riassumere con poche righe il mio percorso professionale ma non solo.

LA STORIA E’ IMPORTANTE!

Senza andare troppo indietro nel tempo e tralasciando i dettagli sui servizi che attualmente offro nell’ambito della mia professione (visibili a questa pagina), vorrei partire da subito dopo la laurea in chimica nel 1998, materia che frequento dai tempi della seconda superiore come perito chimico industriale.

Dopo gli usuali mille tentativi di invio del CV, finalmente approdo presso l’allora International Rectifier Corporation Italiana (divenuta in seguito Vishay Semiconductor Italiana) azienda multinazionale operante nella produzione e assemblaggio di semiconduttori di potenza (principalmente diodi). Ruolo: FACILITIES ENGINEER ovvero responsabile ingegneria impianti a cui si aggiungeva anche la gestione dei progetti relativi ai nuovi investimenti.

Un’azienda di semiconduttori che, per chi non lo sapesse, raccoglie quasi tutte le tipologie impiantistiche industriali presenti sul mercato (mancava solo il vapore) richiedenti a una gestione ad elevata qualità ed affidabilità. Inoltre per non soccombere ad un mercato internazionale, estremamente competitivo, veniva richiesto un continuo rinnovamento tecnologico di processo, delle macchina e degli impianti. Inutile dire l’enorme esperienza che ho fatto, grazie anche alla presenza di colleghi, sia locali che esteri, con elevatissime competenze.

I MOMENTI CHIAVE DURANTE IL LAVORO IN AZIENDA:
  • assegnazione del ruolo di energy manager che mi ha permesso di iniziare il percorso nell’ambito della gestione dell’energia;
  • tanti progetti gestiti, tra i quali ho avuto la possibilità di seguire da zero la costruzione dell’impianto di distribuzione di gas tossici, del quale successivamente ho assunto la direzione tecnica prevista per legge.

A distanza di dieci anni decisi di uscire dall’azienda per intraprendere la carriera di libero professionista; scelta non facile e molto delicata che ha rappresentato un salto nel buio, ma con la convinzione che l’efficienza energetica sarebbe diventata una materia di grande importanza nel panorama italiano ed estero.

NON SI SMETTE MAI DI STUDIARE

Tra le altre cose, questo cambio ha richiesto che sostenessi l’esame di stato come Chimico ed immediatamente dopo quello per Esperto Gestione dell’Energia certificato. Era il mese di gennaio del 2010 ed insieme ad altri 9 colleghi eravamo i primi EGE certificati in Italia. Con tre di loro nel 2012 avremmo fondato Assoege che ad oggi rappresenta l’unica associazione professionale italiana che in via esclusiva si rivolge agli Esperti in Gestione dell’Energia.

Non vado oltre, anche perché le esperienze fatte in questi sette anni di libera professione si possono trovare riassunte nelle pagine in cui illustro i servizi professionali offerti.